MEDITERRANEWS - Scempio a Bari. Vandalizzato il monumento in memoria a Aldo Moro

 
È un dato di fatto. Per il Presidente Aldo Moro non c’è pace e con essa verità. A parte l’ultimo sostantivo, verità, che meriterebbe una lunga analisi sui fatti accaduti in quel terribile anno, il 1978, e precisamente in quei angoscianti e oscuri 55 giorni, il sostantivo pace vorrebbe che ciò che lo ricorda, lo commemora, lo consegna alla storia, andrebbe rispettato. Invece non è così.
Nella notte tra sabato e domenica scorsa, il monumento eretto in Piazza Aldo Moro, a Bari, è stato vandalizzato. La lapide che commemora il suo operato è stata divelta è buttata in terra. A denunciarlo pubblicamente è stato il Comitato di Piazza Umberto, che sui social network ha pubblicato le foto della lapide fatta a pezzi e lasciata sul terreno. Foto riprese da molti e commentate. Tra i primi a dir la sua c’è stato l’On. Gero Grassi: «L’azione di devastazione del Monumento che ricorda Aldo Moro ed i martiri di via Fani, a Bari, non è gesto vandalico. Attenzione a sottovalutare il fenomeno. Giro l’Italia e la Puglia a ricordare il Martirio Laico di Aldo Moro e porto sulla mia pelle il fastidio che a molti da il solo parlare di Moro. Nel cuore ho invece la voglia di verità di tanti giovani e cittadini che apprezzano ed amano l’Uomo Aldo Moro».
Per leggere l'articolo clicca sul link...
mediterranews.org/2018/10/scempio-bari-vandalizzato-monumento-memoria-aldo-moro/