LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO - Ecco gli onorevoli fannulloni PDF Stampa
Ecco gli onorevoli « fannulloni »
Primo rapporto sull’attività in questa legislatura. Le donne più operose dei colleghi maschi; la minoranza più presente del centrodestra. Primato IdV
 
• ROMA. I parlamentari che lavorano di più sono quelli che siedono all’opposizione, mentre gli esponenti della maggioranza si scoprono presenzialisti soltanto al momento di votare. Tra i gruppi parlamentari, in assoluto il più attivo è l’IdV, tanto alla Camera che al Senato: nei lavori delle commissioni, in aula e nella redazione di proposte di legge intervengono più dei colleghi di opposizione del Pd. E quanto emerge dal primo Rapporto “Camere aperte” elaborato dall’Osservatorio civico (un punto di riferimento composto da tre associazioni, Cittadinanzattiva, Controllo cittadino e Openpolis).
Secondo il Rapporto, i parlamentari “fannulloni” sono il deputato Denis Verdini del PdL e il collega di partito, senatore Marcello Pera. E ancora: tra i parlamentari impegnati nella compagine di Governo, Maurizio Balocchi della Lega ha il record di assenze ingiustificate alle votazioni. Infine, stando ai dati, le donne s’impegnano molto di più e volano ai primi posti nella classifica delle presenze: Angela Napoli (PdL) e Donatella Poretti (Pd) sono le più attive alla Camera e al Senato..
Il Rapporto misura la “quantità” dell’attività parlamentare di ciascun rappresentante del popolo nel primo anno della XVI Legislatura (Aprile-Maggio 2008/Aprile-Maggio 2009), analizzandone il coinvolgimento nei processi legislativi (es. primo firmatario Ddl, mozione, interpellanza, risoluzione, odg, e via dicendo) e la presenza alle votazioni elettroniche in aula.
Analizzando il quadro delle presenze è dell’attività degli onorevoli, Angela Napoli, eletta in Calabria nelle liste del PdL, è la deputata più attiva, al pari della senatrice Donatella Poretti, eletta per il Pd in Puglia: entrambe ricevono un 10 nei loro indici di attività. Alla Camera la Napoli è seguita da Rita Bernardini (Pd, eletta in Sicilia) e Gabriella Carlucci (PdL, Puglia), mentre al Senato, dietro la Poretti troviamo Elio Lannutti (Idv Veneto) e Rosario Giorgio Costa (PdL, Puglia). Dopo l’on. Verdini e il sen. Pera, il podio dei «fannulloni» è completato da Niccolò Ghedini (PdL, Veneto) e Massimo D’Alema (Pd, Puglia) per la Camera, e da Beppe Pisanu (PdL, Sardegna) e Marcello Dell’Utri (PdL, Lombardia) per il Senato. In generale, solo il 2,6% dei parlamentari raggiunge un indice di attività sufficiente, cioè pari o superiore à 6: la media è 2,3.
Secondo il Rapporto, le donne sono decisamente più attive e presenti degli uomini, sia alla Camera sia soprattutto al Senato. Nelle presenze alle votazioni, le differenze tra i sessi si assottigliano.
Alla Camera, le donne risultano presenti nell’82% dei basi a fronte di una presenza dei colleghi dell’80%; situazione simile al Senato: donne presenti nell’85% delle votazioni, uomini 82%.
Per quanto riguarda i lavori parlamentari, sono i deputati dell’Italia dei Valori i più attivi tra tutti i gruppi presenti alla Camera dei Deputati. Su una scala da 0 a 10, la loro media di attività si attesta al 3,57. I deputati del Partito Democratico, con 2,65 sono al terzo posto, superati di poco dai colleghi della Lega (2,67). I parlamentari del PIL risultano i meno attivi in assoluto, con un indice di attività di 2,01.
Meglio di loro, anche i colleghi dell’IdV (2,47) e del gruppo misto (2,3).L’attivismo dei rappresentanti dell’Idv è ancora più marcato al Senato, dove ottengono un indice di attività di 4,9. Seguono il gruppo dell’Udc - Svp (2,79), Pd (2,7), Lega (1,73) e PdL (1,68).
A proposito del voto in aula, a conferma della differenza dei ruoli tra opposizione e maggioranza, . il quadro cambia radicalmente quando si analizzano le presenze durante le votazioni, con i partiti di governo che risultano i più presenti: alla Camera, i deputati della Lega sono stati presenti nell’86% delle votazioni, quelli del PdL nell’83%. Al terzo posto i deputati del Pd (81%) seguiti da Udc (75%), Idv (70%) e gruppo misto (61%). Il quadro non cambia al Senato, con i senatori della Lega presenti nel 93% dei casi. Al secondo posto i senatori del PdL (86%) seguiti da Pd (82%), Idv (72%) e Udc (54%, valore influenzato dalla presenza di senatori a vita iscritti al gruppo).
Analizzando l’indice di attività e le presenze dei parlamentari in base ai collegi elettorali di riferimento emerge che i deputati che rappresentano il Molise sono, in media, i più attivi, con un indice di attività di 3,9. Segue il Friuli-Venezia Giulia (3,4), Calabria (2,8), Emilia Romagna (2,7) e Trentino Alto Adige (2,7). I meno attivi, invece, sono i deputati di Campania (1,9), Abruzzo (1,9), Liguria (1,5) e Valle D’Aosta (1,4). In proporzione, fanno meglio anche i deputati che rappresentano i collegi esteri: Europa (3,2), Americhe (2,1). Simile la situazione nel caso dei senatori: i più attivi si trovano in Molise ed Emilia Romagna (3,1 ciascuno) e in Toscana (2,9), mentre i meno attivi rappresentano la Liguria (2), Abruzzo (1,9), la Campania (1,9) e le Marche (1,7).
Il quadro delle presenze alle votazioni offre, ancora una volta, uno scenario .quasi opposto rispetto a quello dell’indice di attività. I deputati più presenti sono quelli di Valle D’Aosta (98%), Umbria (91%), Basilicata (86%) e Liguria (84%), mentre i meno presenti alle votazioni sono proprio i deputati del Molise (66%). Poco meglio vanno in Trentino Alto Adige (78%), Puglia (77%) e Lazio (76%). Da parte loro, i senatori più presenti alle votazioni sono quelli di Friuli-Venezia Giulia (94%), Calabria e Molise (91% ciascuno), mentre al fondo troviamo i senatori di Lazio (80%), Sicilia (76%) e Abruzzo (70%).
Il Parlamento è impegnato quasi esclusivamente nella conversione in legge di iniziative di governo: mai neppure prese in considerazione le numerose proposte di legge avanzate dalle Regioni e dai cittadini.
 

Articoli correlati

Presentazione del libro

"Aldo Moro: La verità negata"
III Edizione
di Gero Grassi

Leggi tutto

Brochure "Aldo Moro: per ricordare"

Leggi tutto


"Moro vive" a cura di Gero Grassi - Consiglio Regionale della Puglia
Leggi tutto

"Aldo Moro e la Puglia – Atti del Convegno 24 settembre 2016"

di Gero Grassi

Leggi tutto

Presentazione dello studio

Aldo Moro:
Il Partito Demo-
cratico vuole la
verità

Quarta edizione
Aprile 2017

Leggi tutto

Rapimento ed omicidio di Aldo Moro

01 Atti
Atti ufficiali dell'omicidio dei cinque uomini della scorta e del rapimento ed omicidio di Moro

02 Rassegna Stampa
In ordine decrescente, tutti i giornali dal 16 Marzo 1978 ad oggi ed alcuni precedenti

03 Documentazione
Atti diversi, lettere, documenti, lettere dei brigatisti

04 Galleria fotografica
Foto dell'on. Aldo Moro e dintorni

05 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Aldo Moro e su Aldo Moro

06 Bibliografia
Libri di Aldo Moro e su Aldo Moro

07 Biografia di Aldo Moro
Dalla nascita alla morte

08 Manifestazioni dell’on. Gero Grassi
Tutti gli eventi su Aldo Moro dal gennaio 2014 ad oggi

09 Galleria fotografica
Foto dell'on. Gero Grassi
manifestazioni su Aldo Moro

10 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Gero Grassi su Aldo Moro

11 Pubblicazioni
Alcuni libri su Aldo Moro curati da Gero Grassi

12 The Moro Files Gero Grassi
5 puntate televisive con la storia di Aldo Moro
Byoblu.com

13 Mostra "Moro Vive"
Bari: Fiera del Levante. 10.09.2018

14 Mostra "Moro Costituente"
Viterbo: 11.09.2018

15 Mostra "Moro per ricordare"
Bari: Consiglio Regionale Puglia 11 marzo 2019

mod_vvisit_counterCi hanno visitato in:4704382