LIBERO - Ora a Bari spunta la casa per signorine
sabato, 20 giugno 2009

 

Ora a Bari spunta la casa per signorine
Inchiesta – Un appartamento frequentato dal giro di escort vicine a Tarantini e dai politici amici.
Il premier medita di vendere Villa Certosa.  In caso di crisi istituzionale, il Pd pensa ad un congelamento del congresso. Scontro Rutelli-Formigoni.
 
• A un passo dal terremoto politico? Forse. Pare che dalle pagine dell’inchiesta sull’ultima sanitopoli pugliese stia per emergere anche «un appartamento» molto frequentato dal giro di escort vicine a Giampiero Tarantini detto Gianpi. Un appartamento che l’imprenditore avrebbe messo a disposizione dei referenti politici di centrosinistra e centrodestra con cui intratteneva “rapporti” la cui rilevanza penale, in ogni caso, è tutta da verificare. Le voci che rimbalzano tra la procura del capoluogo pugliese e le sedi istituzionali danno conto di uno scenario che, se verificato, porterebbe a un cambio di passo rispetto all’impatto mediatico che l’inchiesta ha avuto negli ultimi giorni. Nel senso che, stando a quanto risulta a più autorevoli fonti baresi, “il via-vai degli ultimi tempi dall’appartamento, che si trova nel capoluogo pugliese in via Roberto da Bari, restringerebbe il cerchio rispetto ai politici nel mirino degli inquirenti”.
La lista dei politici pugliesi citati nelle pagine dell’inchiesta – anche la presenza di ipotesi di reato; è tutta da dimostrare – è ancora incompleta. I nomi finora usciti sono quelli di Alberto Tedesco, l’ex assessore regionale alla Sanità che a breve verrà proclamato senatore del Pd, e Sandro Frisullo oggi vicepresidente della giunta Vendola. Nel tritacarne (per ora solo mediatico) è finito anche Gero Grassi, deputato democratico e
luogotenente pugliese della corrente dei popolari, che ieri è tornato a parlare del suo coinvolgimento in un’intervista a Repubblica: «Se dovesse saltare fuori qualsiasi cosa sul mio conto - ha messo a verbale il diretto
interessato – mi dimetterei dalla Camera.”
E ancora, sempre Grassi: “Pare che io sia “contenuto”in questa storia. Ma io non c’entro niente con le indagini. Tarantini? Me l’hanno presentato in più occasioni, niente di più. Lui non ha mai cercato me né il sottoscritto ha mai cercato lui”.
Lontano dalla Puglia, centrosinistra e centrodestra aspettano lunedì pomeriggio per capire se e quanto gli effetti collaterali del D’Addariogate avranno inciso sul turno dei ballottaggi. Tra i berluscones qualcuno, come il ministro neodemocristiano Gianfranco Rotondi, continua a battere sul tasto di un “complotto sempre più evidente”. Il presidente del Consiglio, che quella ironia l’ha scartata pubblicamente (“Mai parlato di...”) nella telefonata a Ghedini intercettata ieri l’altro da Sky, sembra assorto in altri pensieri; e, in attesa di una tornata elettorale che può fargli prendere fiato o spingerlo sempre più in difesa, si è sfogato coi suoi paventando la possibilità di «vendere Villa Certosa».
In attesa dei prossimi sviluppi delle inchieste baresi, il Partito democratico insiste sulla strategia del basso profilo. «Ai di là del giudizio sulle vicende che dominano la politica di queste settimane, una cosa è certa: il Pd non è e non sarà mai un partito a sfondo moralista con un profilo giustizialista», ha scandito ieri Giorgio Merlo, deputato democratico molto vicino al segretario. Una posizione che, tra l’altro, sembra quasi sovrapporsi al
pensiero che giorni fa Pier Luigi Bersani aveva affidato ai suoi (“Il giudizio morale spetta alle autorità morali, non a un partito politico”). Sulla linea ufficiale del partito però, cominciano a registrarsi i primi distinguo, soprattutto nell’ ala più cattolica. Francesco Rutelli, durante un dibattito alla festa della Cisl di Levico Tenne, è partito all’attacco del premier: “Chi oggi legge i giornali - ha detto - vede situazioni familiari abbastanza particolari e non vorrei che da una parte ci fosse la retorica del “Dio,  patria e famiglia” e dall’altra quello che stiamo vedendo in questi giorni» (la frase, tra l’altro, ha innescato un acceso battibecco col governatore lombardo Formigoni).
Beppe Fioroni, invece, s’è iscritto ufficialmente alla corrente di chi vede l’inesorabile avvicinarsi del crepuscolo politico del berlusconismo: “Siamo in presenza di una maggioranza tarlata. E solo una questione di tempo e poi cade. A breve, dunque, il laboratorio del centrosinistra sarà chiamato a confrontarsi nuovamente con il governo”. In fondo, è la tesi del “25 Luglio”. L’unica che, se venisse confermata, potrebbe portare al congelamento del percorso congressuale del Pd. O all’accordone per una candidatura unitaria.

 

null

 

Articoli correlati

Presentazione del libro

"Aldo Moro: La verità negata"
III Edizione
di Gero Grassi

Leggi tutto

Brochure "Aldo Moro: per ricordare"

Leggi tutto


"Moro vive" a cura di Gero Grassi - Consiglio Regionale della Puglia
Leggi tutto

"Aldo Moro e la Puglia – Atti del Convegno 24 settembre 2016"

di Gero Grassi

Leggi tutto

Presentazione dello studio

Aldo Moro:
Il Partito Demo-
cratico vuole la
verità

Quarta edizione
Aprile 2017

Leggi tutto

Rapimento ed omicidio di Aldo Moro

01 Atti
Atti ufficiali dell'omicidio dei cinque uomini della scorta e del rapimento ed omicidio di Moro

02 Rassegna Stampa
In ordine decrescente, tutti i giornali dal 16 Marzo 1978 ad oggi ed alcuni precedenti

03 Documentazione
Atti diversi, lettere, documenti, lettere dei brigatisti

04 Galleria fotografica
Foto dell'on. Aldo Moro e dintorni

05 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Aldo Moro e su Aldo Moro

06 Bibliografia
Libri di Aldo Moro e su Aldo Moro

07 Biografia di Aldo Moro
Dalla nascita alla morte

08 Manifestazioni dell’on. Gero Grassi
Tutti gli eventi su Aldo Moro dal gennaio 2014 ad oggi

09 Galleria fotografica
Foto dell'on. Gero Grassi
manifestazioni su Aldo Moro

10 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Gero Grassi su Aldo Moro

11 Pubblicazioni
Alcuni libri su Aldo Moro curati da Gero Grassi

12 The Moro Files Gero Grassi
5 puntate televisive con la storia di Aldo Moro
Byoblu.com

13 Mostra "Moro Vive"
Bari: Fiera del Levante. 10.09.2018

14 Mostra "Moro Costituente"
Viterbo: 11.09.2018

15 Mostra "Moro per ricordare"
Bari: Consiglio Regionale Puglia 11 marzo 2019

mod_vvisit_counterCi hanno visitato in:4680121