Lettera al Direttore di Repubblica PDF Stampa
Alla cortese attenzione
di Ezio Mauro
Direttore La Repubblica
 
 
 
Egregio Direttore,
sia pur con le regole del condizionale e lo stile del “punta di penna”, in un articolo odierno sui “ricchi” risvolti della famosa indagine barese ritrovo esposto il mio nome.
Proseguendo nella lettura con ragionevole speranza d’ottenere ulteriori precisazioni, anche per escludere l’ipotesi d’esposizione inutile al pubblico ludibrio, la mia curiosità è risultata purtroppo inappagata.
Allo stato risulterei semplicemente “contenuto” nell’indagine, a merito (e sottolineo merito senza ironia) di intercettazioni telefoniche, il cui contenuto è conosciuto (mi pare di capire) per delazione orale.
Tutto qui!
Mentre ciò accade, tutti, cioè la mia famiglia, i mie amici, i dirigenti ed i militanti del mio partito, l’opinione pubblica e ovviamente i giornalisti che hanno scritto l’articolo (altrimenti avrebbero aggiunto qualche particolare), sono in grado di poter dire tutto e il contrario di tutto.
Potrebbero dire che ho partecipato ai festini (presunti) di Berlusconi come potrebbero rassicurare sul fatto che il mio tempo libero è ritagliato solo per la partecipazione alla Santa Messa; potrebbero affermare che sono un maniacale consumatore di sostanze stupefacenti per ricchi e viziati signori, come potrebbero giurare che l’unico ed esagerato vizio che ho è quello delle dannate sigarette: potrebbero dipingermi come un “mariuolo” che scambia poteri pubblici con mazzette come potrebbero ridurmi ad un “cazzone” che spende tutto ciò che guadagna, senza mettere nulla da parte, per dare organizzazione e sostegno ai tanti che in ogni Città della Regione condividono la stessa passione: la politica.
Insomma, caro Direttore, l’articolo mi espone al tutto che notoriamente è parente del niente, facendomi invidiare alcuni ed autorevoli coinvolti che oggi possono almeno sapere che c’è una Patrizia D’Addario qualsiasi che ha raccontato qualcosa sul proprio conto, ed eventualmente difendersi.
Mentre penso e scrivo tutto questo la mente corre in avanti, al giorno in cui probabilmente si saprà che il mio nome è “contenuto” nell’indagine perché altri hanno parlato di me (e come impedirlo?), e ciò purtroppo accadrà senza l’onore dello stesso clamore, e che tali altri non li conoscevo o se li ho conosciuti, la “straordinaria” familiarità si limitava al buongiorno e buonasera, come si dice dalle mie parti.
Andrà così, la prego di credermi, invitandola ad accettare la delega a depositare le mie dimissioni alla Presidenza della Camera dei Deputati qualora altro e decisamente diverso da questo dovesse emergere.
Nel frattempo la prego di accettare la mia amarezza, quella che mi fa pensare che forse (ma non voglio insegnare il mestiere ad alcuno) la semplice citazione del mio nome, senza uno straccio di dettaglio, forse anche la supposizione di una vaghissima conoscenza con qualcuno più implicato, poteva e doveva essere evitata.
Ero intenzionato a presentare una querela per diffamazione, ma per ora ho desistito: il mio avvocato mi riferisce che l’uso accorto del condizionale (“sarebbero”) e la punta di penna rendono incerto l’esito della Giustizia che vendica il mio onore ferito: se ciò è vero la prego di tener conto che alla sua gratificazione per la professionalità dei suoi giornalisti nell’evitare guai, corrisponde la sofferenza della mia famiglia e dei tanti miei amici, che in queste ore ben potrebbero dubitare di me.
Reagisco con questa semplice lettera. In questo momento è tutto ciò che posso. La invito a pubblicarla integralmente ed a farne ciò che vuole; non ambisco alle sue scuse ma la prego solo di evitare sermoni sui doveri dell’informazione, scegliendo eventualmente di rivolgermi anche meno di dieci domande, alle quali sarò felice di rispondere con inusuale premura, senza farla ricorrere ad iniziative di giusta petulanza come la sorte le sta esigendo in queste settimane.
Con stima.
Bari, 19/06/2009
On. Gero Grassi
 
 
 
 
 
P.S. Anche io pratico giornalismo, essendo da anni un Iscritto all’Ordine dei Pubblicisti.
 
Alla cortese attenzione
di Ezio Mauro
Direttore La Repubblica
 
 
 
Egregio Direttore,
sia pur con le regole del condizionale e lo stile del “punta di penna”, in un articolo odierno sui “ricchi” risvolti della famosa indagine barese ritrovo esposto il mio nome.
Proseguendo nella lettura con ragionevole speranza d’ottenere ulteriori precisazioni, anche per escludere l’ipotesi d’esposizione inutile al pubblico ludibrio, la mia curiosità è risultata purtroppo inappagata.
Allo stato risulterei semplicemente “contenuto” nell’indagine, a merito (e sottolineo merito senza ironia) di intercettazioni telefoniche, il cui contenuto è conosciuto (mi pare di capire) per delazione orale.
Tutto qui!
Mentre ciò accade, tutti, cioè la mia famiglia, i mie amici, i dirigenti ed i militanti del mio partito, l’opinione pubblica e ovviamente i giornalisti che hanno scritto l’articolo (altrimenti avrebbero aggiunto qualche particolare), sono in grado di poter dire tutto e il contrario di tutto.
Potrebbero dire che ho partecipato ai festini (presunti) di Berlusconi come potrebbero rassicurare sul fatto che il mio tempo libero è ritagliato solo per la partecipazione alla Santa Messa; potrebbero affermare che sono un maniacale consumatore di sostanze stupefacenti per ricchi e viziati signori, come potrebbero giurare che l’unico ed esagerato vizio che ho è quello delle dannate sigarette: potrebbero dipingermi come un “mariuolo” che scambia poteri pubblici con mazzette come potrebbero ridurmi ad un “cazzone” che spende tutto ciò che guadagna, senza mettere nulla da parte, per dare organizzazione e sostegno ai tanti che in ogni Città della Regione condividono la stessa passione: la politica.
Insomma, caro Direttore, l’articolo mi espone al tutto che notoriamente è parente del niente, facendomi invidiare alcuni ed autorevoli coinvolti che oggi possono almeno sapere che c’è una Patrizia D’Addario qualsiasi che ha raccontato qualcosa sul proprio conto, ed eventualmente difendersi.
Mentre penso e scrivo tutto questo la mente corre in avanti, al giorno in cui probabilmente si saprà che il mio nome è “contenuto” nell’indagine perché altri hanno parlato di me (e come impedirlo?), e ciò purtroppo accadrà senza l’onore dello stesso clamore, e che tali altri non li conoscevo o se li ho conosciuti, la “straordinaria” familiarità si limitava al buongiorno e buonasera, come si dice dalle mie parti.
Andrà così, la prego di credermi, invitandola ad accettare la delega a depositare le mie dimissioni alla Presidenza della Camera dei Deputati qualora altro e decisamente diverso da questo dovesse emergere.
Nel frattempo la prego di accettare la mia amarezza, quella che mi fa pensare che forse (ma non voglio insegnare il mestiere ad alcuno) la semplice citazione del mio nome, senza uno straccio di dettaglio, forse anche la supposizione di una vaghissima conoscenza con qualcuno più implicato, poteva e doveva essere evitata.
Ero intenzionato a presentare una querela per diffamazione, ma per ora ho desistito: il mio avvocato mi riferisce che l’uso accorto del condizionale (“sarebbero”) e la punta di penna rendono incerto l’esito della Giustizia che vendica il mio onore ferito: se ciò è vero la prego di tener conto che alla sua gratificazione per la professionalità dei suoi giornalisti nell’evitare guai, corrisponde la sofferenza della mia famiglia e dei tanti miei amici, che in queste ore ben potrebbero dubitare di me.
Reagisco con questa semplice lettera. In questo momento è tutto ciò che posso. La invito a pubblicarla integralmente ed a farne ciò che vuole; non ambisco alle sue scuse ma la prego solo di evitare sermoni sui doveri dell’informazione, scegliendo eventualmente di rivolgermi anche meno di dieci domande, alle quali sarò felice di rispondere con inusuale premura, senza farla ricorrere ad iniziative di giusta petulanza come la sorte le sta esigendo in queste settimane.
Con stima.
Bari, 19/06/2009
On. Gero Grassi
 
 
 
 
 
P.S. Anche io pratico giornalismo, essendo da anni un Iscritto all’Ordine dei Pubblicisti.
 
 

Articoli correlati

Presentazione del libro

"Aldo Moro: La verità negata"
III Edizione
di Gero Grassi

Leggi tutto

Brochure "Aldo Moro: per ricordare"

Leggi tutto


"Moro vive" a cura di Gero Grassi - Consiglio Regionale della Puglia
Leggi tutto

"Aldo Moro e la Puglia – Atti del Convegno 24 settembre 2016"

di Gero Grassi

Leggi tutto

Presentazione dello studio

Aldo Moro:
Il Partito Demo-
cratico vuole la
verità

Quarta edizione
Aprile 2017

Leggi tutto

Rapimento ed omicidio di Aldo Moro

01 Atti
Atti ufficiali dell'omicidio dei cinque uomini della scorta e del rapimento ed omicidio di Moro

02 Rassegna Stampa
In ordine decrescente, tutti i giornali dal 16 Marzo 1978 ad oggi ed alcuni precedenti

03 Documentazione
Atti diversi, lettere, documenti, lettere dei brigatisti

04 Galleria fotografica
Foto dell'on. Aldo Moro e dintorni

05 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Aldo Moro e su Aldo Moro

06 Bibliografia
Libri di Aldo Moro e su Aldo Moro

07 Biografia di Aldo Moro
Dalla nascita alla morte

08 Manifestazioni dell’on. Gero Grassi
Tutti gli eventi su Aldo Moro dal gennaio 2014 ad oggi

09 Galleria fotografica
Foto dell'on. Gero Grassi
manifestazioni su Aldo Moro

10 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Gero Grassi su Aldo Moro

11 Pubblicazioni
Alcuni libri su Aldo Moro curati da Gero Grassi

12 The Moro Files Gero Grassi
5 puntate televisive con la storia di Aldo Moro
Byoblu.com

13 Mostra "Moro Vive"
Bari: Fiera del Levante. 10.09.2018

14 Mostra "Moro Costituente"
Viterbo: 11.09.2018

15 Mostra "Moro per ricordare"
Bari: Consiglio Regionale Puglia 11 marzo 2019

mod_vvisit_counterCi hanno visitato in:5805913