IL PAESE NUOVO - Fitto pensi di più al Sud da ministro delle Regioni
venerdì, 05 giugno 2009

 

L’on. Gero Grassi, Pd, critica il presidente del Consiglio Berlusconi sulla gestione della crisi economica e sull’aspirazione del Pdl a diventare dopo il 7 giugno il primo gruppo parlamentare Ppe a Strasburgo
 
‘Fitto pensi di più al Sud da ministro delle Regioni’
 
 “Vendola sta facendo bene il presidente della Puglia sperando che alle europee suo movimento superi il 4%”
 
Lucia del Vecchio
La campagna elettorale e praticamente finita ed è già scattata consegna del silenzio. Il chiasso è stato per lunghi tratti davvero assordante. Tanto forte da generare “una campagna elettorale fuorviata da gossip e veline, che ha nascosto in larga parte i veri problemi della gente e i nodi da affrontare sia a livello locale che in Europa”. A parlare è una delle anime democratico - cristiane del Pd, uomo di punta della Margherita pugliese fino alla fusione con i Ds, attuale vicepresidente della XII Commissione Affari Sociali della Camera. E non le manda a dire.
Insomma, Europa grande assente da questa campagna elettorale. Eppure Berlusconi ha tentato l’altro giorno a Bari di diradare un po’ le nuvole.
 “Sì, ha tentato, ma non ci è riuscito. Non ha detto una sola parola della grave crisi che sta attanagliando i Paesi europei, quindi, anche l’Italia e, soprattutto, non ha  espresso chiaramente i contenuti della politica unitaria europea che intende portare avanti con il suo gruppo.”
Veramente, ha detto che in Italia non c’è un reale problema di persone che non riescono ad arrivare alla fine del mese. Dunque non c’è un rischio serio di povertà. E tutti coloro che perdono il lavoro sono comunque assistiti dallo Stato.
“Gli rispondo solo che evidentemente non frequenta affatto i supermercati, i negozi, le farmacie che dal 20 del mese registrano un calo notevole dei consumi. Questa è la realtà”.
La realtà è anche che, per essere pragmatici, occorre trovare i soldi.
Il Pd aveva proposto l’aumento dell’Irpef del 2%, a partire proprio dai parlamentari, per trovare risorse grazie a cui destinare un sussidio a chi ne ha bisogno.
Proposta bocciata dalla maggioranza.”
Tornando all’Europa, il premier ha indicato quale suo obiettivo quello di ingrossare le fila del Ppe con i propri parlamentari, in modo che, contando più, l’Italia possa ambire alla presidenza del Parlamento europeo.
“Mi dispiace molto dirlo, da italiano Ma, per come sta messa l’immagine del nostro Paese oggi in Europa, non credo proprio che questo potrà avvenire”.
Ma cosa vi differenzia dal Pdl?
“Due cose fondamentali la prima è che noi in Europa ci stiamo mandando chi ci lavorerà veramente, non comparse che fanno da richiamo per poi dimettersi. La
seconda: per noi l’Europa, che fu una grande intuizione dei democratici - cristiani prima e della sinistra poi, rappresenta una risorsa,per il Pdl un problema’
In che senso?
“Noi vogliamo portare avanti politiche condivise, da quella energetica a quella occupazionale e regole certe per tutti”.
Il Presidente del Consiglio parla di mania regolatrice delle nostre vite da parte dell’attuale organizzazione legislativa europea.
“Appunto”.
Ma a dire il vero ha affermato anche la necessità di una forte ed incisiva politica unitaria.
“Mal si conciliano le due cose”.
Veniamo a casa nostra. Nel Pd c’è un problema Vendola?
“Nichi Vendola ha preso male il Congresso di Rifondazione, ha fatto e sta facendo bene come Presidente della Puglia, ha fatto bene a costituire il suo movimento per rispondere concretamente agli estremismi di altra sinistra. Mi auguro che Sinistra e Libertà diventi - perché è appena nato - un partito moderato e che raggiunga il 4% in Europa”.
E poi?
Poi dovrà dimettersi per continuare a fare il presidente della Regione Puglia”.
Del Pd con cui governa la regione, Vendola dice però che non è in grado di contrastare le destre.
“E qui sbaglia. Il Pd si è opposto e si oppone alle destre. A suo modo. E cioè senza livori, senza inciuci, muovendosi e confrontandosi sulla proposta, non sull’antiberlusconismo”.
Ma ci sarà pure qualche riflessione e qualche ammenda da fare?
“Dopo le elezioni, ci siederemo intorno un tavolo per rilanciare una iniziativa di governo forte e incisiva in vista delle regionali. Anche perché tutto è migliorabile, pure ciò che ci sembra non ne abbia bisogno”.
A Bari si gioca una partita, all’ultimo sangue. Che ne pensa di Emiliano?
“Un ottimo sindaco. Vincerà”.
Fitto, da leader pugliese del Pdl, punta a vincere nel capoluogo, oltre che a Lecce.
“Fitto dovrebbe preoccuparsi più dei fondi Fas. Il ministro male rappresenta il Sud in questo governo. Deve comprendere che dovrebbe esercitare la sua carica come ministro per le regioni, non contro le regioni”.
Ma lui pone un problema di controllo della qualità della spesa a proposito dei fondi comunitari e della necessità di una cabina di regia che impedisca la parcellizzazione degli interventi.
 “Usa la qualità come specchietto per le allodole. Che dai fondi Fas siano state distolte ingenti risorse per destinarle ad altri interventi e, dunque, a sfavore del Sud non lo dico io, lo dice la Corte dei Conti. E i fatti. Il governo non convoca ancora il Cipe per approvare i Par (Piani attuativi regionali, ndr), dove sono chiare le destinazioni delle risorse da parte delta Puglia”.
Sulla scena è comparso anche il movimento Io Sud costituito dall’eX Signora della Destra pugliese, Adriana Poli Bortone, candidata alla Provincia di Lecce.
Vendetta o progetto politico?
“Mi auguro che l’operazione sia sostanziale. Però resto convinto che non ci .possa essere un Terzo Polo. Questo allontanamento della Poli Bortone da An e dal Pdl
— per quello che ha rappresentato nella destra pugliese rafforza, comunque ancora di più la convinzione che questo centrodestra è assolutamente antimeridionalista”.
Possibili intese per eventuali ballottaggi? A Brindisi sostenete entrambi il candidato Udc, Perrarese.

“Non escludo nulla. Sulla base dei programmi”.

null

 

Articoli correlati

Presentazione del libro

"Aldo Moro: La verità negata"
III Edizione
di Gero Grassi

Leggi tutto

Brochure "Aldo Moro: per ricordare"

Leggi tutto


"Moro vive" a cura di Gero Grassi - Consiglio Regionale della Puglia
Leggi tutto

"Aldo Moro e la Puglia – Atti del Convegno 24 settembre 2016"

di Gero Grassi

Leggi tutto

Presentazione dello studio

Aldo Moro:
Il Partito Demo-
cratico vuole la
verità

Quarta edizione
Aprile 2017

Leggi tutto

Rapimento ed omicidio di Aldo Moro

01 Atti
Atti ufficiali dell'omicidio dei cinque uomini della scorta e del rapimento ed omicidio di Moro

02 Rassegna Stampa
In ordine decrescente, tutti i giornali dal 16 Marzo 1978 ad oggi ed alcuni precedenti

03 Documentazione
Atti diversi, lettere, documenti, lettere dei brigatisti

04 Galleria fotografica
Foto dell'on. Aldo Moro e dintorni

05 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Aldo Moro e su Aldo Moro

06 Bibliografia
Libri di Aldo Moro e su Aldo Moro

07 Biografia di Aldo Moro
Dalla nascita alla morte

08 Manifestazioni dell’on. Gero Grassi
Tutti gli eventi su Aldo Moro dal gennaio 2014 ad oggi

09 Galleria fotografica
Foto dell'on. Gero Grassi
manifestazioni su Aldo Moro

10 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Gero Grassi su Aldo Moro

11 Pubblicazioni
Alcuni libri su Aldo Moro curati da Gero Grassi

12 The Moro Files Gero Grassi
5 puntate televisive con la storia di Aldo Moro
Byoblu.com

13 Mostra "Moro Vive"
Bari: Fiera del Levante. 10.09.2018

14 Mostra "Moro Costituente"
Viterbo: 11.09.2018

15 Mostra "Moro per ricordare"
Bari: Consiglio Regionale Puglia 11 marzo 2019

mod_vvisit_counterCi hanno visitato in:4737296