Comunicati Stampa


TERLIZZI 3 GIUGNO 2017 - PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ANDREA VENDOLA PDF Stampa
domenica, 28 maggio 2017

 
IL GIORNO - Il capitolo delle lettere a Zaccagnini - 27 aprile 1978 PDF Stampa
domenica, 28 maggio 2017


 
ROMA: CAMERA DEI DEPUTATI 31 MAGGIO 2017. PRESENTAZIONE DEL LIBRO: RUTIGLIANO IN FOTO E IN CARTOLINA PDF Stampa
sabato, 27 maggio 2017

 
RAPPORTO ANNUALE ISTAT 2017 PDF Stampa
mercoledì, 24 maggio 2017

 Giunto alla venticinquesima edizione, il Rapporto annuale dell’Istat torna a offrire una ri­flessione documentata sul presente dell’Italia, utilizzando dati e analisi per descrivere le trasformazioni intervenute nel recente passato e al tempo stesso individuare le prospettive per il futuro e le potenzialità di crescita del Paese. Accompagnando l’evoluzione di una realtà economica e sociale in rapido cambiamento e sempre più complessa, la statistica ufficiale ha compiuto progressi importanti nella misurazione degli aspetti demografici, sociali ed economici. L’integrazione delle fonti statistiche dell’Istat e del Sistema statistico nazionale consente di produrre statistiche più ricche e di maggiore dettaglio. Questa edizione affronta il tema della struttura sociale, letta attraverso le caratteristiche dei gruppi. Proseguendo su una linea che ha caratterizzato le ultime due edizioni del Rapporto, i fenomeni vengono descritti e interpretati da più punti di vista: ciascun gruppo sociale racchiude un insieme di dimensioni che possono evolversi in direzioni diverse. La scarsa mobilità sociale è stata spesso proposta come uno degli elementi alla base delle difficoltà di crescita del Paese (e non soltanto in termini economici, ma anche di avanzamento della democrazia), ma le differenze sociali e l’eterogeneità dei comportamenti rappresentano altrettante potenzialità di ricchezza e di sviluppo, e le chiavi di lettura proposte consentono di mettere in luce una pluralità di aspetti, allargando lo sguardo dagli individui ai soggetti sociali e agli attori economici.
Per leggere il testo clicca sul link
www.istat.it/it/archivio/199318

 

 
Moro: 22 maggio 2017 - SARZANA PDF Stampa
mercoledì, 24 maggio 2017

 

 
Istat: riviste al rialzo le stime sul Pil, ma c'è il divario tra l'Italia e l'Ue PDF Stampa
lunedì, 22 maggio 2017

 L'Istat rivede all'insù le stime della crescita, ma resta il divario con l'Eurozona. "Nel 2017 - è la stima dell'istituto - si prevede un aumento del Prodotto interno lordo pari all'1,0% in termini reali".  Rispetto a novembre, dunque, sono state riviste al rialzo di 0,1 punti percentuali le indicazioni sul Pil per quest'anno. "Nell'attuale quadro previsivo si ipotizza una dinamica più sostenuta del commercio mondiale che favorirebbe le esportazioni", si spiega. Il tasso di crescita diventa così "lievemente superiore a quello registrato nel 2016 (+0,9%)". 
Per leggere il testo clicca sul link
www.ansa.it/sito/notizie/economia/2017/05/22/istat-pil-recupera-ma-ce-divario-tra-italia-e-ue_95925e11-6f65-477c-a4c0-254b97ae8de4.html

 
Moro: 20 maggio 2017 - SARNO LICEO PDF Stampa
lunedì, 22 maggio 2017

 
LA LEGGE CONTRO IL CYBERBULLISMO PDF Stampa
giovedì, 18 maggio 2017

 La Camera dei deputati ha approvato definitivamente la proposta di legge contro il cyberbullismo. Il provvedimento,composto da sette articoli, prevede un complesso di misure volte alla prevenzione e al contrasto del cyberbullismo, con particolare attenzione alla tutela dei minori (sia autori, sia vittime di illeciti), privilegiando azioni di carattere formativo-educativo. In particolare, il minore vittima di episodi di cyberbullismo, nonchéil genitore, potrà chiedere al gestore del sito internet, del social media o del servizio di messaggistica di oscurare, rimuovere o bloccare i dati personali diffusi in rete. Se i gestori non si attivano tempestivamente, l’istanza potrà essere inoltrata al Garante per la Privacy che interviene entro 48 ore. Sul lato della prevenzione, la legge introduce una serie di previsioni generali quali l’adozione di linee guida da parte del Ministero dell’istruzione, l’individuazione in ogni scuola del docente referente per il contrasto del cyberbullismo, il coinvolgimento degli studenti, il rafforzamento dei programmi di educazione all'uso consapevole della rete, il finanziamento di progetti elaborati da reti di scuole per il contrasto del cyberbullismo e…
Per leggere il testo clicca qui 

 
 
 
13 maggio 2017: CELLAMARE (Bari) Inaugurazione nuova ambulanza PDF Stampa
sabato, 13 maggio 2017

 

 
IL 9 MAGGIO di MARIA FIDA MORO PDF Stampa
giovedì, 11 maggio 2017


Ecco l’ennesimo terribile 9 maggio. Ho un’annotazione ed un quesito. Mio figlio ed io diserteremo ogni celebrazione ufficiale fino a quando non sarà applicata correttamente e pienamente la legge 206 del 3 agosto 2004 in favore delle vittime del terrorismo ANCHE per mio padre Aldo Moro. Quale sia la valenza di questa disapplicazione non è noto. Mio padre non è vittima? Oppure non è vittima del terrorismo? Il che aprirebbe scenari apocalittici. Giro il quesito a chi di dovere.

È chiaro che le vittime sono tutte uguali perché uguale è il dolore, ma mio padre non può essere contemporaneamente simbolo emblematico di ogni vittima della stagione terroristica mentre la legge 206 - nel suo caso - viene disattesa ed inapplicata (guarda caso proprio dal Parlamento). È una questione etica, di equità e di principio. Se potessi, chiederei al Parlamento di cambiare la data della doverosa celebrazione della memoria con altra data, diversa dal 9 maggio.

Ad ogni modo seguirò tutte le trafile giuridiche che portino all’applicazione della stessa legge 206 e - se sarà necessario - mi rivolgerò alla Corte Europea dei Diritti Umani a Strasburgo, perché mio padre è stato pesantemente discriminato, e quindi all’Aja, perché il terrorismo è equiparato alla guerra e mio padre è vittima di un crimine di guerra, il che ha rilevanza penale (per rendersene conto basta scorrere alcuni dei documenti raccolti dalla 2° Commissione bicamerale di inchiesta sul caso Moro).

Credo che, almeno nella morte, la legge debba essere uguale per tutti. Del resto ogni italiano in buona fede, che il 9 maggio 1978 aveva l’età della ragione, sa che l’italia è rimasta attonita a guardare l’agonia di un innocente abbandonandolo alla solitudine di una morte feroce quanto ingiusta. Allo Stato non sembra interessare, e lo dico con pacatezza basandomi sulle corone di alloro e sui fiori delle due date 16 marzo - 9 maggio.

Invece sarebbe molto più proficuo che lo Stato si adoperasse per l’applicazione di una legge che riguarda tutte le vittime, quindi anche e perfino Aldo Moro.

L’insensata morte di mio padre ha cambiato il destino del nostro Paese e anche dell’Europa, ma soprattutto è come un macigno, un coagulo di dolore che pesa sulle coscienze degli italiani. Aldo Moro è ancora oggi ostaggio dell’indifferenza e del disamore e finché non gli verrà riconosciuta, almeno da morto, pari dignità anche il popolo italiano resterà imprigionato nel gorgo malefico e sanguinario che ha cancellato tante vite innocenti portandosele via e che a me ha tolto sole, speranza, luce ed ogni gioia.

Ma non è certo questo il punto, il punto è che l’Italia, che è da sempre considerata la patria del Diritto, permette che l’antigiuridicità insita nella negazione di un diritto fondamentale - ogni cittadino è uguale di fronte alla legge - si abbatta su un padre Costituente che, ironia della sorte, si era occupato proprio dei Diritti inviolabili dell’Uomo. I benefici previsti dalla legge in favore delle vittime del terrorismo o valgono anche per Aldo Moro oppure non valgono per nessuno.

Niente sembra avere senso e valore. Ma se solo per una volta, in quasi quarant’anni, dovessero prevalere le insindacabili ragioni del cuore e della verità?

Maria Fida Moro

 
<< Inizio < Prec 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ > Fine >>

Risultati 1 - 10 di 2039

Articoli correlati

Presentazione del libro

"Aldo Moro e la Puglia – Atti del Convegno 24 settembre 2016"

di Gero Grassi

Leggi tutto

"La verità è sempre illuminante e ci aiuta ad essere coraggiosi"

di Gero Grassi

Leggi tutto

Presentazione dello studio

Aldo Moro:
Il Partito Demo-
cratico vuole la
verità

Terza edizione
Ottobre 2015

Leggi tutto

Rapimento ed omicidio di Aldo Moro

01 Atti
Atti ufficiali dell'omicidio dei cinque uomini della scorta e del rapimento ed omicidio di Moro

02 Rassegna Stampa
In ordine crescente, tutti i giornali dal 16 Marzo 1978 ad oggi ed alcuni precedenti

03 Documentazione
Atti diversi, lettere, documenti, lettere dei brigatisti

04 Galleria fotografica
Foto dell' on. Aldo Moro, della sen. Maria Fida Moro

05 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Aldo Moro, della sen. Maria Fida Moro, di Luca Moro e servizi televisivi

06 Bibliografia
Libri di Aldo Moro e su Aldo Moro

07 Biografia di Aldo Moro
Dalla nascita alla morte

08 Manifestazioni dell'On. Gero Grassi "Chi e perchè ha ucciso Aldo Moro"
Tutti gli eventi dal gennaio 2014 ad oggi

09 Galleria fotografica
Foto dell'on. Gero Grassi: manifestazioni "Chi e perchè ha ucciso Aldo Moro"

10 Contributi audio e video
Interventi dell'on. Gero Grassi

11 Pubblicazioni
Alcuni libri su Aldo Moro curati da Gero Grassi

mod_vvisit_counterCi hanno visitato in:1333138